Paolo Rolandi

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ha conseguito i Diplomi Accademici di I e II livello in Composizione e Orchestrazione Jazz col massimo dei voti e la lode sotto la guida di Enrico Fazio presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria (ove ha  sostenuto gli esami del Percorso FIT nel settore antro-psico-pedagogico) e il Diploma pedagogico musicale presso l'AIEM Willems di Lione – CRDM di Udine, frequentando seminari tenuti da Jane Bastien, Mario Fulgoni, Jacques Chapuis, Steve Dancz, Larry Schneider. 


Docente presso Scuole Secondarie di I Grado, ha svolto attività didattiche in numerosi contesti, fra cui la Civica Scuola di Musica di Voghera, ove 
ha ricoperto anche mansioni di impiegato amministrativo ed organizzativo, e il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria.


Ha effettuato un lavoro di ricostruzione della polivocalità tradizionale
dell'Oltrepò Pavese e Appennino delle Quattro Province (Pv, Al, Ge, Pc), partendo dal ricco patrimonio di famiglia e da esperienze sul campo, pubblicando libri, cd e formando il gruppo Voci di confine, in cui ha riunito autorevoli cantori delle zone fra cui il padre Luciano (http://www.appennino4p.it/vocidiconfine).

Ha all'attivo concerti e cd come musicista di tradizione, arrangiatore e tastierista in ambito pop/rock e jazz e accompagnatore di solisti e corali. Si è esibito in vari contesti fra cui il Convegno Internazionale di Canto popolare a Rocca Grimalda in memoria di Roberto Leydi, Genova 04 Capitale Europea della Cultura, Salone Municipale di Valbelle (Francia), Cittadella e Museo Borsalino di Alessandria, Iria Castle Festival di Voghera, collaborando, fra gli altri,
con Enrico Fazio Critical Mass e l'Ensemble Jazz del Conservatorio di Alessandria.

Giornalista pubblicista dal 1994 al 2014, dai primi anni Novanta si occupa della documentazione di aspetti storico-musicali e di tradizioni orali della zona Oltrepò Pavese e Appennino delle Quattro Province, ha fornito contributi per alcuni libri di settore (tra cui alcuni editi da Donzelli e Neri Pozza) e collabora dal 2004 al sito  www.appennino4p.it.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu